Musica Napoletana

I’ Te Vurria Vasa’

di Russo, Di Capua.

Testo:

Ah! Che bell'aria fresca
Ch'addore 'e malvarosa
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!
'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta
'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!

Leggi tutto...

'E CERASE

di Di Giacomo

Testo:

ABBRILE, abbrile ! Mmiez' 'e ffronne 'e rosa
vaco vennenno 'o frutto 'e chisto mese;
cacciate a capa, femmene cianciose,
io donco 'a voce e vuie facite 'a stesa
“Frutto nuviello e mese 'e paraviso !
Collera ncuorpo a nuie nun ce ne trase !”

Leggi tutto...

Era de Maggio

di Di Giacomo, Costa.

Testo:

Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse
Fresca era ll'aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce

Leggi tutto...

Come Facette Matteta

di G. Capaldo, S. Gambardella

Testo:

Quanno mammeta t'ha fatta
quanno mammeta t'ha fatta
vuo' sape' comme facette
vuo' sape' comme facette

Leggi tutto...

Dduje Paravise

di Melina, E.A.Mario

Questa canzone parla di due musicisti ( prufessure 'e cuncertino) che decidono di andare a suonare in Paradiso. Bussarono alle porte del paradiso e San Pietro li fa entrare solo perchè sono di Napoli.Una volta entrati i due eseguirono tutto il repertorio classico di canzoni Napoletane, e tutti gli angeli li stettero a sentire. Dopo un po' i due decidono di ritornare a Napoli, San Pietro resta scandalizzato ( siete Pazzi Che dite,) e i due spiegano che il loro Paradiso è Napoli con i suoi Luoghi, la sua Gente i suoi Odori. Questa è una canzone in omaggio a Napoli e alle sue Bellezze. 
 

TESTO
Duje viecchie prufessure 'e cuncertino,
nu juorno, nun avevano che fá.
Pigliájeno 'a chitarra e 'o mandulino
e, 'nParaviso, jèttero a suná:

- Ttuppe-ttù... - "San Pié', arapite!...
ve vulimmo divertí..."
"Site 'e Napule?! Trasite!
e facitece sentí..."

 

Leggi tutto...